I trabucchi di Peschici e Vieste, la bellezza pugliese

Trabucco a Peschici

Le origini del trabucco

Percorrendo la costa del basso Adriatico, da Chieti a Vieste, noteremo una struttura a palafitta che accomuna il paesaggio. Si tratta del trabucco – trabocco nella variante abruzzese – una costruzione nata per implementare l'attività della pesca senza dover prendere il largo, evitando quindi di sottostare alle eventuali condizioni meteorologiche avverse. Secondo alcuni storici pugliesi l'origine dei trabucchi è da addebitarsi ai Fenici, mentre la documentazione più antica relativa alla loro esistenza risale al XVIII secolo. Presenti anche in alcuni punti del litorale tirrenico, essi sono tuttavia caratteristici delle coste del Gargano, del Molise e dell'Abruzzo, regione, quest'ultima, dove è nata addirittura la “Costa dei Trabocchi”.

Pur differenziandosi tra loro leggermente a causa della diversa morfologia dei luoghi, i trabucchi sono facilmente riconoscibili poiché in ogni caso sono costituiti da una piattaforma in legno, ancorata alla roccia da grossi tronchi e dalla quale si protendono le antenne, bracci che sorreggono una grossa rete a maglie. Per la costruzione viene utilizzato il pino d'Aleppo in quanto ampiamente diffuso nella zona, resistente alla salsedine e dotato di una certa elasticità.

La tecnica consiste nel calare in mare la rete, chiamata anche trabocchetto, dopo che uno dei traboccanti (così si chiamano coloro che vi lavorano), arrampicatosi su una delle antenne, avvista il movimento di branchi di pesci.Sebbene si tratti di un sistema dagli ottimi risultati che tra l'altro, come già accennato, permette di pescare dalla terra ferma, tuttavia esso è anche faticoso e oggi tende a perdersi. La maggior parte dei trabucchi sono aperti ai turisti e alcuni sono stati anche convertiti in ristorantini, sicuramente suggestivi data la posizione sulla costa, se non addirittura in mezzo all'acqua. Per quanto riguarda il nome, è vero sì che esso trae l'origine dal trabocchetto, ma non dobbiamo dimenticare la somiglianza con trabs, trabis, termine latino che indica il palo e la cui valenza si estende fino a comprendere il significato di imbarcazione nel linguaggio poetico.

I trabucchi di Peschici e Vieste

Da Peschici a Vieste si contano tredici trabucchi. Sarebbero stati in realtà quasi il triplo, ma l'azione del tempo e la mancata premura da parte dell'uomo, ne hanno determinato la distruzione su vasta scala. Oggi, per fortuna, essi sono tutelati dal Parco Nazionale del Gargano ed entrano a pieno titolo nel patrimonio della civiltà garganica. Le radici sono da attribuirsi all'ingegno dell'uomo dei secoli passati, ai pescatori che, per assicurarsi la sopravvivenza, correvano un alto rischio di naufragi a causa, da un lato delle imbarcazioni pirate o nemiche, dall'altro della violenza delle correnti marine. Insomma, una nascita romantica, nell'accezione storica del termine, che ha fatto dei trabucchi uno dei soggetti preferiti da artisti e artigiani del luogo.

Il trabucco di San Francesco, sulla costa di Vieste, a ridosso dell'omonimo convento, costruito più di un secolo fa, sembra essere il più antico. Grazie alla vista panoramica che offre e all'impianto di illuminazione che ne consente la visita anche nelle ore serali, esso è sicuramente uno dei più siti che più attraggono i turisti.

Posto sul promontorio di Testa del Gargano, il trabucco di Punta la Testa è circondato da pini d'Aleppo e piante della macchia mediterranea, come mirto e rosmarino, che contribuiscono con i loro profumi a rendere il luogo ancora più suggestivo. Sempre a Vieste è da segnalare il trabucco Tufara, all'estremità del promontorio di Porticello, su cii si erge una torre di difesa, altro elemento caratteristico della costa garganica, e sul quale sono stati portati alla luce resti di insediamenti attribuibili all'età del bronzo e ad un'antica struttura portuale.

A Peschici invece, di grande fascino, troviamo la cosiddetta “punta d'oro”, un insieme di tre trabucchi, il principale dei quali è ancora in funzione. Posti sullo stretto promontorio e radicati alla roccia, si presentano come un'imponente costruzione che dà la vista su un paesaggio selvaggio e affascinante. Difficile resistere alla tentazione di visitarlo e assaggiare il pesce fresco nel relativo ristorante.

Il trabucco di Punta San Nicola è invece interessante perché offre la vista sul versante orientale del centro di Peschici, sulle baie sottostanti e su Punta di Manaccora, famosa per i ritrovamenti archeologici risalenti al neolitico.

A dire il vero, sarebbe interessante visitare ogni trabucco. Con queste poche righe abbiamo voluto darvi un input, uno stimolo a visitare questi luoghi, a soffermarvici, lasciando che natura, storia e poesia vi riempiano polmoni e vene.

Iscriviti per ricevere Super Offerte!

Informativa per il servizio newsletter offerto da questo sito

I Titolari del trattamento dei dati forniti dall'interessato per l'iscrizione al servizio newsletter con contenuto commerciale, HELLO VACANZE S.r.l. con sede in Via Andrea Costa, 2 - 63822 Porto San Giorgio (FM) e SVILUPPO TURISMO ITALIA S.r.l. unipersonale con sede in Via Andrea Costa, 2 - 63822 Porto San Giorgio (FM) forniscono le seguenti informazioni circa il trattamento di tali dati.
Ai sensi dell'art 13 del Regolamento UE 2016/679 ("Regolamento") desideriamo informarLa che i Suoi dati personali, liberamente conferiti, mediante la compilazione del presente form saranno utilizzati per l'invio della nostra mailing periodica.
Il conferimento si rende necessario per l'iscrizione richiesta. Il mancato conferimento dei dati comporterà l'impossibilità di aderire al servizio.

Finalità del trattamento dei dati trattati

I dati personali forniti volontariamente dagli utenti saranno trattati esclusivamente per l'invio di mail contenenti offerte commerciali e, con separato consenso da esprimersi nelle pagine dedicate contestualmente a richiesta di offerte e preventivi, per l'analisi delle Sue scelte di consumo al fine di poterLa servire al meglio.

Chi tratterà i Suoi dati

Potranno venire a conoscenza di tali dati i soggetti autorizzati al trattamento di HELLO VACANZE S.r.l., preposti alla gestione del servizio newsletter, e di SVILUPPO TURISMO ITALIA S.r.l. unipersonale.
I Suoi dati saranno trattati con modalità manuali, informatiche e/o telematiche e non saranno né comunicati né diffusi ulteriormente a quanto specificato nella presente informativa.
Specifiche misure di sicurezza sono comunque sempre osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.
La informiamo che per l'invio della newsletter viene utilizzata la piattaforma informatica MailUp di proprietà di Growens S.p.A., con sede legale in Via Pola 9, 20124 Milano (Italia), Codice Fiscale e Partita IVA 01279550196 (o outsourcer).
Sui server direttamente gestiti dall'outsourcer verrà memorizzato il Suo indirizzo email. MailUp tutela gli invii effettuati per tramite della Sua piattaforma con una policy disponibile al link: https://www.mailup.it/risorse-mailup/strategia/privacy-email-marketing/.

Qual è la base giuridica del trattamento dei suoi dati?

I dati che ci fornisce per l'iscrizione alla newsletter vengono trattati in base al Suo consenso.

Come vengono trattati i suoi dati e per quanto tempo?

I dati personali sono trattati per l'invio delle comunicazioni a mezzo mail con strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti.
I dati trattati per le finalità commerciali di cui alla presente informativa, saranno conservati fino all'eventuale revoca del Suo consenso al trattamento dei dati personali e comunque per non oltre due anni.
I dati trattati per le finalità di profilazione di cui alla presente informativa, saranno conservati fino all'eventuale revoca del Suo consenso al trattamento dei dati personali e comunque per non oltre un anno.
In qualsiasi momento dall'adesione al servizio, Lei potrà interrompere gli invii delle stesse utilizzando l'apposita funzionalità, presente in ogni comunicazione e-mail.
Da quel momento in poi, non riceverà tale tipologia di comunicazioni a meno che non si proceda volontariamente ad una nuova iscrizione.
Al momento della revoca del consenso, anche se espresso precedentemente alla scadenza del termine di conservazione dei dati raccolti per tali finalità, gli stessi saranno automaticamente cancellati ovvero resi anonimi in modo permanente e la nostra Società potrà chiederLe di rinnovare, anticipatamente a tale revoca, il consenso al trattamento.

Come potrà esercitare i suoi diritti?

Potrà rivolgersi per e-mail agli indirizzi email privacy o email privacy, per verificare i Suoi dati e farli integrare, aggiornare o rettificare e/o per esercitare gli altri diritti previsti dagli artt. da 15 a 22 del Regolamento.
In qualsiasi momento dall'adesione al servizio, Lei potrà interrompere gli invii delle stesse utilizzando l'apposita funzionalità, presente in ogni comunicazione e-mail.
Da quel momento in poi, non riceverà tale tipologia di comunicazioni a meno che non si proceda volontariamente ad una nuova iscrizione.
Per ogni ulteriore informazione in merito al trattamento dei Suoi dati la invitiamo a consultare l'informativa completa presente nel nostro sito.